domenica 22 maggio 2016

Vomito

Tu sei la sconfitta dell'umanità.
Tu non apprezzi chi hai intorno e sei sempre pronto a criticare ed infierire.
Pensi che se lodassi qualcuno che hai vicino smetterebbe di comportarsi in modo giusto, perché tu faresti così; ottenuta la gratificazione smetti di impegnarti, anche gli animali sono migliori di te.
Il fatto che questo non sia vero per tutti neanche ti sfiora, è un concetto troppo alto per te, troppo pieno di valori e principi di cui ti riempi la bocca ma non i gesti.
Hai paura di lodare chi vuoi bene, se mai questo fosse voler bene e così facendo allontani le persone da te ma non è una gran perdita (per loro). Ogni maestro o genitore che si rispetti riesce a dosare lodi e critiche, incoraggiamenti e valutazioni meno positive, tu invece, dall'alto del tuo piedistallo noto a te soltanto, non hai che giudizi sprezzanti.
"No, no (ti difendi) io di te parlo benissimo, con gli altri!"
Certo, è normale che ci si comporti così; per le persone contorte e malfidenti, che sollievo non fare più parte delle tue trame, che salvezza non esserne stata contagiata!
Povera anima triste, che vede solo il male e la bruttura intorno a sé, sei povera di spirito umano, ma non riesci neanche a far pena da tanto che sei pieno di te.

Intelligente?

Confidenze tra amici, davanti ad un caffè, che è sempre più spesso il modo di trovarsi a parlare delle cose più intime, altro che confessionale.
Alla notizia di un nuovo incontro nasce la domanda, istantanea:- Lui è intelligente?-
E' una domanda secca, che lascia interdetti, non per la difficoltà della risposta, ma per quello che sottintende. Cioè che si sappia bene ciò di cui ha bisogno l'altro, presuppone il pensiero che se una persona non lo fosse non avrebbe la possibilità di diventare parte importante della sua vita.
Questa è conoscenza profonda dell'altro, sensibilità e attenzione che nasce dall'affetto.
E' bello trovarsi di fronte a certe domande le cui risposte si hanno a volte solo a livello inconscio.
E' bello sapere che le persone che abbiamo intorno ci sono anche per farci crescere non solo per godere della reciproca compagnia. E' bello rendersi conto che se non riusciamo ad arrivare da soli a certe conquiste, si può contare sugli altri, basta solo scegliere bene le persone di cui circondarsi.
E comunque si, è intelligente, e appurato questo, nessun altro dubbio o curiosità sovviene da chiedere, basta questa piccola, importante, informazione per rassicurare sulla probabilità di funzionamento del rapporto, qualunque esso sia.

mercoledì 4 maggio 2016

Medusina

La piccola medusa si guardò intorno, aveva appena finito di
mangiare e osservava beata i raggi del sole che entravano
in acqua riflettendo mille colori.
Lentamente  cercò di avvicinarsi ai suoi amici, si era distratta
per mangiare e la corrente l'aveva trascinata lontano.
 Li vedeva scherzare tra loro, tirarsi i tentacoli, darsi le
testate come facevano sempre ma non riusciva a raggiungerli;
come al solito aveva mangiato troppo!
I grandi la ammonivano spesso:- Non esagerare, guarda che
se mangi troppo non riuscirai più a farti trasportare...-
Esasperando le conseguenze per farla spaventare.
Una volta, addirittura, Medusaviola le aveva detto che se
avesse mangiato troppo sarebbe rimasta indietro, avrebbe
perso “lo stormo” e la terribile palla marina Mannara
l'avrebbe catturata con facilità. Lei non aveva mai sentito
parlare prima della palla marina Mannara e così cominciò a
chiedere in giro, con noncuranza, facendo domande all'uno
e all'altro per non dare a vedere che aveva paura.
Alle sue domande, qualcuno ridacchiava, qualcuno le diceva
di tenere gli occhi aperti e altri le dicevano che non era
poi così terribile.  I piccoli come lei la temevano, temevano
di essere inglobate dai suoi peli ispidi e trascinate a riva
con forza tale da restare sulla sabbia; seccate.
Medusina cercava di farsi coraggio ma, quando era buio,
stava ben attenta a non allontanarsi dai tentacoli dei suoi
genitori che l'abbracciavano dolcemente. A volte aveva
incontrato delle palle marine nel suo vagabondare sotto
costa ma erano tutte piuttosto piccole, malconce e per
nulla spaventose.
 
Adesso le sue amiche erano un po' più vicine, riusciva
quasi a sentirne i delicati sbuffi e risucchi melodiosi e i
divertenti “plop” di quando sbattevano l'una contro l'altra.
 Però si  stavano avvicinando troppo alla riva quelle piccole
incoscienti, Medusina provò a chiamarle ma le uscì solo un
grosso borbottio dovuto alla digestione. Niente da fare,
nessuno si accorgeva di lei, provò anche a fare dei gesti con
i piccoli tentacolini cangianti ma li sentiva goffi e pesanti e
nessuno la notava. Il gruppo delle piccole meduse cominciò
a confondersi con la spuma delle onde, ora le vedeva, ora
non le vedeva. Il mare era leggermente increspato e le
sparpagliava alla deriva tra bolle, legni, rifiuti di quegli
 strani animali opachi ed imprevedibili e tante palle marine.
Medusina cercava in ogni modo di tornare al largo ma la
corrente era forte e la spiaggia era sempre più vicina,
iniziò a temere di aver perso lo stormo. Allora si accorse
di un'ombra minacciosa che le si avvicinava; grossa, rotonda,
ricoperta di crini duri e disordinati, era proprio la sua paura
più grande: la palla marina Mannara!
Questa si avvicinava con fare minaccioso, di sicuro non
aveva buone intenzioni nei suoi confronti. Medusina provò
ad allungare un tentacolo per urticarla od allontanarla ma
sembrava dura come la scorza di razza.
Ormai Mannara le era addosso, lei aveva lanciato già tre
tentacoli avvolgendola per bruciarla ovunque ma quella andava
avanti senza farci caso, come se non sentisse dolore. Invece
lei si sentiva pungere dappertutto, anche sotto al cappello,
dove era più morbida.
 
Due tentacolini si erano tagliati con l'attrito e gliene
restavano solo tre con cui provare a remare lontano ma
 Mannara non la lasciava anzi le premeva sempre di
più addosso. Cercava di infilarle i peli ispidi dappertutto,
voleva trasformare anche lei in una orribile e vorace palla
marina. Ad un certo punto passarono sopra un cespuglio di
poseidonia verde, fresca, che ondeggiava le sue foglie in
favore della corrente e Medusina pensò di aggrapparsi ad
essa per provare a salvarsi. Con grande fatica riuscì a
staccare, uno alla volta, dal corpo della palla marina i suoi arti
 irritati dalle numerose punture e con un bel respiro cercò di scendere un po' più giù; nel blu.
La manovra distrasse Mannara che irrigidì per un attimo i peli,
come le vibrisse di un pesce gatto, e Medusina riuscì ad
aggrapparsi con tutte le sue forze alle alghe verdi che le solleticavano la pancia. La terribile palla marina non potè fare
altro che  passare oltre con il formarsi di un piccolo vortice di schiuma . Medusina continuò a tenersi stretta stretta, con gli
occhi chiusi, tremante di paura ma ormai salva. Poi si sentì
chiamare, lo stormo l'aspettava, le meduse più vicine si erano accorte di tutte e avevano dato l'allarme. Avevano formato un
enorme “tappeto” allungando tentacoli in ogni direzione per
restare unite le une alle altre.
Medusina non aveva mai visto niente di più bello e dai pori del
suo cappello cominciò ad uscire qualcosa di liquido e
trasparente, leggermente salato, che lavò via tutta la paura.
 Sul suo viso comparve un sorriso di vera felicità, allungò un tentacolino verso il tappeto di meduse e aspettò la corrente
giusta per ricongiungersi alla sua famiglia.
 
Restarono unite così,
intonando un canto di gioia, tutte insieme,
 fino a che furono di nuovo al largo.
 

 

 

 

domenica 1 maggio 2016

Quel frattale del mio paese

Un giorno vi racconterò del piccolo paese in cui vivo, del fatto che ci siano tutte le tipologie di persone (e figure retoriche) che si possono incontrare nel mondo.
Il mio paese è un frattale.

C'è un cassiere al supermercato, affabile, gentile, chiama tutti per nome, scherza con gli anziani,
adora parlare ma non spettegolare, gli piace raccontare di sé.
E ne ha da raccontare, come se avesse vissuto più di una vita,
come se avesse impresso ogni ricordo con la stessa intensità, come se affidasse quel piccolo pezzo di sé al vento affinché possa girare per il mondo. Ha un grave difetto; non ama il mare, io non riesco a concepire l'esistenza di qualcuno che non ami il mare, secondo me il punto è che non lo ha mai capito, non vedo altre spiegazioni.

C'è una vecchina, alla fine della via, coltiva il suo orto e cura il suo prato, facendosi aiutare dai nipoti solo per i lavori più pesanti, ha messo in giardino un filo per i panni; e quando c'è il sole stende i suoi abiti dall'aria retrò, pulitissimi e bianchi come solo alcune vecchine riescono ad ottenere. E' molto accogliente con i vicini, ferma tutti per una chiacchiera, riesce senza malignità a scovare il punto debole di ognuno e scavarci dentro con le sue domande innocentemente curiose. Invita tutti a sedersi, in una delle tre sedie di plastica scolorite dagli anni, ma nessuno lo fa perché dopo una chiacchierata con lei ci si sente sempre un po' sconfitti.

C'è un ubriacone salutista, so che può sembrare un controsenso, ma lui è proprio così: beve e poi va a fare sport, corre nella strada che porta in campagna, a piedi o sulla sua bici, è forse il modo che ha per redimersi dal suo irresistibile vizio, che non vuole abbandonare, quando esce dal lavoro, va a casa a bere. Il suo fiato si sente a distanza, a parte quello e ad un certo colorito paonazzo del viso, il fisico lo sostiene nel suo peregrinare.

C'è il barbiere d'ordinanza, persona squisita, emigrato qui al nord decenni fa, fedele al suo accento come alla sua pettinatissima moglie. Ha un negozio che apre all'alba, arredato in modo moderno e una vetrata ampia che assicura vigore alle sue piante e dei quadri coloratissimi di Klimt e Mirò, che mi fanno ricredere ogni volta sul suo apparire semplice. Ha un nome buffo, una timidezza e riservatezza d'altri tempi, usufruire dei suoi servizi è una vera pausa rilassante. La sua clientela varia e' affezionata alla sua professionalità e discrezione, lui è anche maestro di taglio e parrucco, non delude nessuno.

C'è il vecchio sindaco; sportivo anche lui, che ha sposato il vecchio assessore comunale alla cultura e ora che non lavorano più insieme probabilmente hanno più da raccontarsi sulle loro giornate ma tutti gli altri hanno meno da raccontare su di loro.

C'è la perpetua storica, in paese si sono avvicendati tre parroci e lei probabilmente era già là a "lavorare" dai tempi della costruzione della chiesa, lei è bravissima a lavorare a maglia, ha dei completini stupendi che deve continuamente rinnovare perché sta raggiungendo delle dimensioni davvero ragguardevoli. Bisogna dire che ha un notevole spirito di adattamento perché i tre parroci sono ( e sono stati) dei tipi diversissimi tra loro; o probabilmente si sono adattati essi. Nonostante le difficoltà nel movimento organizza delle gite turistiche davvero fantasiose.

C'è un dipendente comunale, una specie di tecnico factotum che si occupa di qualsiasi aspetto riguardante le numerose feste e manifestazioni varie del paese, lui sa fare tutto, aggiusta tutto, fa funzionare tutto. Ha uno stile particolare nel vestire, il suo pezzo forte sono i pantaloni "cargo" con le tasche grandi da cui estrarre qualsiasi cosa possa servire a chiunque per sistemare alcunché. Nonostante l'aria accigliata parla con tutti ed è sempre circondato da qualcuno che cerca di carpirne i segreti.