lunedì 24 ottobre 2016

Sotto un cielo mosso

Era come se piovesse acqua di mare,
senza sosta.
Veniva giù piano come per raccontare una storia,
poi più forte per tenerla viva così
da non esser una noia
e diventare un'opportunità.
Intorno a loro tutto era buio e fragoroso
e non se ne accorgevano,
pareva un castello quella pensilina;
caldo ed accogliente.
Lui la guardava come se da lei dipendesse tutto;
il futuro, il senso della vita,
la direzione del vento e delle maree.
Lei lo osservava con lo sguardo assorto come se sapesse
cosa provava ogni singolo istante e con
 la meraviglia di ritrovarsi nelle stesse emozioni.
Si misero più vicino a delimitare
un perimetro dai confini di ondate mutevoli di sentimenti.
E quella pioggia altro non era che un mare
che provava a scegliere dove stare,
come quei due che per non bagnarsi
finirono per innamorarsi.

Gli amori di settembre profumano d'infinito.
 
 


domenica 23 ottobre 2016

Contraddizione, femminile, singolare

Sono una feticista; di pensieri.
Adoro discutere con chi mi capisce al volo.
Se iniziate una frase con "se" smetto subito di ascoltarvi.
Non ascolto neppure chi comincia le frasi con una negazione.
Il mio essere incostante è una delle mie poche certezze.
Le mie mancanze aggiungono quel "non so che" alla mia personalità.
Sono piena di vuoti.
Al vizio di forma preferisco il vizio in ogni sua forma.
Ho i sensi di colpa anche per i miei peccati immaginari.
Ho capito subito di essere tarda di comprendonio.
Adoro le coincidenze ma preferisco provocare le occasioni.
A volte non si può fare altro
che passare oltre.
La verità è farsa.
La verità è forse.


Nonsense

Temere il dissenso.
Ottenere il consenso.
O tenere un senso propenso al nonsense.
Ci penso.

sabato 22 ottobre 2016

Le nonne

Tante gonne nere o a fiorellini piccoli, una sopra l'altra, la bocca arcigna, i capelli raccolti, severi, l'acquavite sul comodino, ché un bicchierino prima di dormire fa bene, il primo giro in taxi, i commenti astiosi su chiunque incontrasse, i viaggi in macchina con il finestrino aperto un solo millimetro, anche in agosto, perché l'aria le dava fastidio, le vacanze al mare con la musica al minimo e non si poteva ridere troppo per non disturbarla; la nonna non buona.

Le sedie impagliate, il camino, sulla tavola sempre qualcosa da mangiare ed il vino, le caramelle nella tasca del grembiule, la crocchia grigia, le guance rosse rotonde, morbide da baciare, sempre un sorriso anche quando stava male, le galline nella stanza di su, dalla scala a pioli, e ci spiegava come chiamarle, il bagno fuori; nel cortiletto, da attraversare di corsa quando pioveva, con poca luce, che faceva paura andarci, anche di giorno, poche cose da guardare nella bassa casetta, un rosario, vecchie foto, la cassetta del cucito e le mille domande a cui non si stancava di rispondere, l'incidente per andare a casa sua, che mi aveva fatto innamorare dei biscotti "di velluto". Mi aveva insegnato a fare la maglia per fare i vestiti alle bambole, la nonna buona.

Siete state con me troppo poco per insegnarmi la vita; care nonne, ma di sicuro avevate due modalità opposte di affrontarla, ed io ho scelto la mia.

martedì 18 ottobre 2016

Autunno

Cadono le foglie ed il mio umore.
Si spengono le giornate ed il sorriso.
Un misto di odor di bosco e terra bagnata impregna l'aria e la rende pesante.
L'umidita' appiccica ogni cosa, ogni casa, ogni strada.
Aumenta, solo, la malinconia; lenta, strisciante, inesorabile e porta in se' profumo di te' caldo, biscotti e fuoco nel camino che arrossa le guance e scalda nel profondo.
Luce, dove sei?
Ritorna ad illuminare il giorno e tutti, attorno.
La nebbia mi distrae e perdo il tuo ricordo.
Dell'autunno mi piace che ha i giorni contati.

lunedì 3 ottobre 2016

Volevo solo fare shopping!



 
Personaggi: la mamma (m), il padre (p.),

              la figlia Alice (f.), il figlio Mirko (M.)

                   

La mamma entra in scena sorridente, canticchiando, sistema i cuscini del divano in cui è sdraiata la figlia adolescente

m-  Finalmente ho finito di pulire, ora esco e vado a fare un po' di shopping che non ho più niente da mettermi…

f.- Ma mamma hai l’armadio pieno

m- Si ma sono stanca dei soliti jeans, vorrei dei vestiti e delle gonne svolazzanti in cui sentirmi comoda e a posto in ogni situazione come se fossero jeans!

f. – Ma esistono?

m- Sono sicura di si, devo solo trovarli

Driiiin driiin (suona il telefono)

m (risponde al telefono) – Pronto? Ciao mà, tutto a posto? …(Ascolta) Si tutto bene, stavo per andare a fare shopping… si, ne ho già 13 paia infatti andavo a cercare qualcosa di più femminile… Non è vero che l’ultima volta che ho usato la gonna avevo 13 anni, non ricordi il mio vestito da sposa? Che c’entra se mi sono sposata una volta, ne avevo provati 15 prima di trovare quello giusto… Non è necessario usare i tacchi con la gonna, si può portare benissimo anche con gli anfibi e poi posso sempre imparare come ho fatto con i pattini… no non mi avevano ingessato per quella caduta, comunque perché mi hai chiamato? Ah ok, allora passo davanti al supermercato e te li prendo ma che ci devi fare con i cetrioli? Mamma?... Ah una maschera idratante per pelli mature, certo… no mamma,   io non ho  la pelle matura, non è vero che bisogna prevenire, la mia pelle maturerà a prescindere, ok a dopo, ciao.

f.- Certo che la nonna ha una fiducia nelle tue capacità atletiche, chissà come mai… (ridacchia)

m-  Non saprei solo perché da piccola ho distrutto due biciclette prima di imparare ad andarci ma dove ho messo la borsa?

f.- Mamma esci vestita così’ ?

m-  Certo; i jeans sono l’ideale per andare a fare shopping anche perché non ho ancora il vestitino femminile e comodo adatto che andrò appunto a comprare.

Driiinn driiin (ancora il telefono)

m–  Si, ti ho già detto che te li porto i cetrioli… oh salve capo, non mi disturba affatto… si ho già mandato le pratiche ai fornitori ed ora stavo uscendo per fare un po' di shopping, ah, trova che sia una buona idea? Come mai? Troppo informale!? Ah l’unica cosa che non apprezza è l’abbinamento gonna-anfibi? Ah si, ha ragione che tale mancanza di fantasia e spirito di adattamento, ma si figuri, certo che so portare i tacchi…è che finora non ho avuto modo di sfoggiarli, oh si, rimedierò, grazie del consiglio… e vuole una copia degli ordini evasi, certo, ho già il pc acceso, bene, la saluto.

f.- Mi sembra che il tuo capo apprezzi la tua idea di cambiare look…(sorride).

Entra il figlio piccolo, Mirko e dice – Mamma mamma dove vai? Cosa mi compri?

m-  Amore la mamma va a comprare dei vestiti e delle gonne ma mi fermo in edicola e ti compro un bel giornalino, ok?

M. – La gonna? Quella delle femmine? Ma tu la sai usare?

m- Certo che so “usare” la gonna, la usavo spesso da ragazza (si china ad accarezzarlo sulla testa)

M. -Vuoi dire che prima di conoscermi usavi la gonna? E poi come mai non sei più riuscita ad usarla?

(Ridono tutti)

m-  Tesoro sai che la mamma è sempre di corsa, oltre a voi, la casa ed il lavoro c’è da fare la spesa, andare in posta, ecc. ecc. e con i jeans mi preparo in un attimo, ora per esempio, volevo godermi due ore tutte per me invece mi fermerò a prendere i cetrioli per la nonna ed il giornalino per te.

M. – Oh non ti disturbare per il mio giornalino, mi accontenterò di un giocattolo… (e si allontana soddisfatto)

m- Questa storia che nessuno si ricorda di avermi vista con la gonna è incredibile, devo avere qualche foto che lo provi…

Entra il padre/marito e la bacia sulla guancia – Ciao tesoro, io mi ricordo quando hai usato la gonna qualche volta e di come sei tornata a casa senza…

f.- Cosa cosa???

(Lei arrossisce e si fa piccola piccola)

p.- Sai, Alice, un giorno, prima che voi nasceste, siamo andati a fare una gita in campagna…

m- Così, all’improvviso, non ero preparata, abbiamo camminato tanto e mi era venuta fame…

f.- E hai usato la gonna per costruire una trappola per catturare qualche animale?

p. -Ma nooo, abbiamo trovato le more e la mamma ha cominciato a raccoglierle e mangiarle e si addentrava sempre di più nel cespuglio di rovi e quando ha provato ad uscire, straaap, la gonna è rimasta là…

(ridono tutti)

m- E tu non eri per niente contrariato, anzi!

p.- Infatti, dopo nove mesi sei nata tu, Alice! E ricordo che avevi la gonna anche quando siamo andati a dormire in tenda…

f.- E dove eravate quella volta?

p.- Sempre in campagna e dopo aver piazzato la tenda e acceso il fuoco, stavamo arrostendo le salsicce, la mamma le girava, c’era vento e alcune scintille finirono proprio… indovina dove? Sulla gonna della mamma che la tolse in un attimo, potrebbe vincere la medaglia d’oro di velocità nel togliere la gonna (sguardo sornione verso la moglie).

f.- Si direbbe una vera e propria intolleranza alla gonna!

p.- E indovina un po': nove mesi dopo è nato Mirko! (il fratellino).

f.- Mamma, (con aria preoccupata) sei sicura di voler usare ancora la gonna?

 

 

sabato 1 ottobre 2016

La vita riposa

Che importa se il sole tramonta
che importa se ho i brividi freddi
che importa il buio che avanza
se ho dentro i sorrisi di chi amo
se ho dentro il calore della sabbia
se ho dentro i colori del mare
se ho te da chiamare ogni volta
che mi sento felice o in tormenta.
L'inverno ritorna di certo
si annuncia con umide spire
la sua gelida morsa che avvolge
e la vita si chiude e riposa
ricordando con aria di stupore
giornate lunghe, bollenti, lontane
come non fossero mai accadute
se non in sogno o in altre vite.
E' l'inverno che torna; là fuori
ma non riesce a raffreddare i cuori.