mercoledì 13 gennaio 2016

Liguria

Su una panchina nel sole
tra agave, ligustro e piante di limone
mi siedo per ascoltare;
il mare fa lo stesso rumore
 
ad occhi chiusi, non scompare
abbraccia i pensieri che sente mormorare
ascolta anche quello che non vuoi raccontare
il suo respiro congiunge mente e cuore
 
attendere il treno su questa panchina
è solo una scusa per riempire i pori
ed i sensi, di caldi sentori.


Nessun commento:

Posta un commento